Marco Angius

CONTATTI
categorie: Direttori d'orchestra
Attività collegate
Biografia
ultimo aggiornamento: 10-10-2018
Marco Angius è un direttore specializzato nella musica contemporanea con una vasta frequentazione di teatro musicale e repertorio sinfonico di ogni tempo. Ha diretto Ensemble Intercontemporain, London Sinfonietta, Tokyo Philharmonic, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino, Orchestra Toscanini di Parma, Orchestra Haydn di Trento e Bolzano, Orchestra Verdi, Orchestra della Svizzera Italiana, Orchestre de Lausanne, Orchestre de Nancy, Orchestra della Toscana, I Pomeriggi Musicali, Luxembourg Philharmonie, Muziekgebouw/Bimhuis di Amsterdam. Tra i teatri La Fenice di Venezia, Opera di Firenze/Maggio Musicale Fiorentino, Comunale di Bologna, Regio di Torino, Lirico di Cagliari, Regio di Parma. Nel 2007 ha ottenuto il Premio Amadeus per Mixtim di Ivan Fedele, compositore del quale ha inciso tutta l’opera per violino e orchestra con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai (Mosaîque). Nella sua ricca discografia spiccano Luci mie traditrici di Salvatore Sciarrino, Die Kunst der Fuge di Bach, L’imbalsamatore di Giorgio Battistelli, Pierrot lunaire di Schönberg, Risonanze erranti di Nono, Abyss di Donatoni, Quodlibet di Castiglioni, Noîse di Adámek (con l’Ensemble Intercontemporain). Nell’ambito del teatro musicale ha diretto La volpe astuta e Káťa Kabanová di Janáček, Sancta Susanna di Hindemith, Aspern di Sciarrino, Jakob Lenz di Rihm, Don Perlimplin di Maderna, L’Italia del destino di Luca Mosca, Il suono giallo di Alessandro Solbiati (Premio Abbiati 2016), Medematerial di Dusapin (Premio Abbiati 2018), Alfred Alfred di Donatoni, distinguendosi recentemente anche per alcune produzioni liriche di Un ballo in maschera, Gianni Schicchi e Cavalleria rusticana. Già direttore principale dell’Ensemble Bernasconi dell’Accademia Teatro alla Scala, dal settembre 2015 è direttore musicale e artistico dell’Orchestra di Padova e del Veneto con cui ha all’attivo numerosi dischi e integrali sinfoniche (in particolare quelle di Beethoven e Schubert). Tra i suoi libri: Come avvicinare il silenzio (Rai Eri, 2007), Del suono estremo (Aracne, 2014). Ha inaugurato la Stagione 2016/2017 del Teatro La Fenice con l’opera Aquagranda di Filippo Perocco (Premio Abbiati 2017), oltre a una nuova edizione del Prometeo di Luigi Nono al Teatro Regio di Parma (di imminente uscita discografica). Tra i prossimi impegni l’inaugurazione della Stagione 2018/2019 dell’Opera di Firenze con Le villi di Puccini.
Discografia

CD
con Matteo Cesari, Roberta Gottardi, Anna D'Errico, Donatienne Michel-Dansac, Ensemble Vide, Algoritmo Ensemble, Arditti String Quartet, Marco Angius
Stradivarius, Cologno Monzese, 2013
Numero di catalogo discografico STR 33974

Descrizione:
Cover photo © Kaisu Koivisto - "Archive and Ornament" (ink and color pencil on paper)






Daniele Adornetto, Mauro Tortorelli
Domani Musica, ROMA, 2005
Numero di catalogo discografico DMCD 1805






Francesco d'Orazio, Marco Angius, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI
di Ivan Fedele
Stradivarius, Cologno Monzese, 2010
Numero di catalogo discografico STR 33850










Bibliografia

Come avvicinare il silenzio - La musica di Salvatore Sciarrino
di Marco Angius

ISBN 978-88-9387-121-1
Rapsodie. Collana di musicologia, Il Poligrafo, Padova 2020

pp. 244, ill. bn e col.

Nomi oggetto della pubblicazione: Salvatore Sciarrino


Descrizione:
Si spalanca la notte. Un latrato lontano, i grilli, il silenzio che rende assoluti gli eventi sonori più minuscoli. Le voci e le voci delle cose, ma anche tutta una rosa di naturalismo d’estrema immediatezza, gli elementi della realtà umana compresi i disturbi della radio, i segnali di linea del telefono così ingigantiti da ingoiarci (ma è solo un’orchestra). E poi le esplosioni, il liquefarsi dei suoni metallici, ... continua a leggere
ALI DI CANTOR - The music of Ivan Fedele
Come avvicinare il silenzio - La musica di Salvatore Sciarrino. Con uno scritto di Peter Hagmann
di Marco Angius
con uno scritto di Peter Hagmann

ISBN 978-88-397-1420-6, Rai Eri - Editoria periodica e libraria, Roma 2007

pp. 304, b/n e colori, 17,00 €

Nomi oggetto della pubblicazione: Salvatore Sciarrino


Descrizione:
Come ci appare oggi la musica di Sciarrino? È un dato di fatto che essa si distingua da tutte le altre. Prescindendo dai vari generi esplorati dall’autore, questa musica ci ha resi spettatori di un fenomeno senza precedenti: il rovesciamento delle normali prospettive d’ascolto. Si spalanca la notte. Un latrato lontano, i grilli, il silenzio che rende assoluti gli eventi sonori più minuscoli. Le voci e le voci de... continua a leggere