IMC - INTERNATIONAL MUSIC COUNCIL

I Consigli e i Comitati Nazionali Musica rappresentano la base associativa dell’IMC - International Music Council (Consiglio Internazionale Musica). Analizzando il contesto internazionale ed europeo è possibile infatti comprendere non solo l’importanza dell’attività svolta dai singoli consigli a livello nazionale, ma persino la ragion d’essere e le finalità dei Comitati Nazionali Musica, come si può facilmente evincere dalla lettura dei primi articoli degli statuti  delle due associazioni internazionali.
L’IMC è un’organizzazione fondata nel 1949 dal Direttore Generale dell’UNESCO con la funzione di organo consultivo per il mondo della musica. Ha sede a Parigi e funge da ONG internazionale in relazione formale con l'UNESCO. Negli ultimi sessant’anni l’IMC è diventata un’organizzazione di livello mondiale che favorisce un ampio scambio di idee e riflessioni sul mondo musicale. L’IMC grazie al contributo dei propri membri, lavora rispondendo alle esigenze degli associati per favorire il potenziamento e la promozione di diversi tipi di musica a livello internazionale e sostenere il ruolo dei musicisti nel contesto dello sviluppo sociale, culturale ed economico.
L’IMC ha il compito di sostenere i diversi tipi di musica attraverso propri programmi, elaborati per contribuire al rafforzamento di relazioni amichevoli tra tutte le culture del mondo sulla base della loro assoluta eguaglianza e del rispetto reciproco.
L’IMC considera l’esperienza della musica e del fare musica parte fondamentale della vita quotidiana di ognuno e dà valore al diritto di tutte le persone a esprimersi e a comunicare attraverso la musica. L’IMC si occupa quindi di creazione musicale, di formazione, di esecuzione e diffusione, di promozione, di diritto d’autore, di ricerca e documentazione musicale, dei problemi sociali dei musicisti e di tutti gli altri aspetti della vita musicale.
 
L’IMC ha come obiettivo l’esigibilità dei seguenti diritti:
- il diritto di tutti i bambini e gli adulti di esprimersi con la musica in totale libertà, a imparare linguaggi, a sviluppare capacità musicali e ad avere accesso alla musica attraverso la partecipazione, l’ascolto, la creazione e l’informazione;
- il diritto degli artisti musicali a sviluppare la propria arte e comunicare attraverso tutti i media, avendo a disposizione i migliori strumenti e a ottenere il giusto riconoscimento e il giusto compenso per il proprio lavoro.
 
L’IMC costituisce una vasta rete operativa, che include i Comitati Nazionali Musica  in 65 nazioni, una sessantina di organizzazioni musicali continentali ed internazionali e organizzazioni specializzate nel campo dell’arte e della cultura. Attraverso i suoi membri l’IMC ha accesso diretto a oltre mille organizzazioni in tutto il mondo, costituendo così un network di conoscenza ed esperienza che tocca ogni aspetto della musica.
I Membri Onorari dell’IMC sono scelti in tutto il mondo tra i migliori professionisti della musica, educatori, musicisti e compositori.
I Consigli Regionali Musica, come il Consiglio Europeo Musica, sono sottogruppi dell’IMC costituiti a livello continentale e contribuiscono a definire un’agenda regionale che porti avanti attività che rispondano alle necessità, alle opportunità e alle aspirazioni dei membri e dei partner dell’IMC nella regione di appartenenza.
 
La struttura organizzativa dell'IMC è la seguente:
-  Assemblea Generale
-  Commissioni
-  Consiglio Direttivo
-  Presidente
-  Segretario Generale
-  Segretariato di Parigi
-  Consigli Regionali
 

Il CIDIM, fin dal 1982, anno del suo riconoscimento come Comitato Nazionale Italiano Musica, ha partecipato attivamente a numerose iniziative internazionali in collaborazione con l’IMC e con alcuni dei suoi membri. Da ricordare, in particolare, i convegni nell’ambito del MIDEM Classique (The World’s Music Community) a Cannes nel 1984, dedicati rispettivamente a La part de la musique dans les systèmes educatifs e alle Esperienze europee per il decentramento musicale nelle Regioni; la collaborazione all’organizzazione dei convegni con IAML - International Association of Music Libraries (Assemblea Mondiale dell’Associazione Internazionale delle Biblioteche Musicali) e con IASA - International Association of Sounds and Audiovisual Archives (Associazione Internazionale degli Archivi Sonori) svoltasi a Como nel 1984. Inoltre, tra il 1987 ed il 1989, il CIDIM, ha collaborato alla realizzazione dell’Assemblea Mondiale dell'IMS - International Musicological Society (Società Internazionale di Musicologia) e alle assemblee di Mediacult - International Research Institute for Media, Communication and Cultural Development (Istituto Internazionale di Ricerca per i Media, la Comunicazione e lo Sviluppo Culturale) e di IAMIC  - International Association of Music Information Centers (Associazione Internazionale dei Centri di Informazione Musicale). 

In tempi più recenti il CIDIM ha organizzato la XXVII Assemblea Generale dell’IMC, tenutasi a settembre 1997 presso il Palazzo della Cancelleria in Roma e a giugno 2003 la Conferenza Annuale di IAMIC presso la Fondazione Olivetti in Roma.
A ottobre 2007 ha partecipato, ad Amsterdam, al Dutch Chamber Music Meeting, progetto internazionale olandese per la musica da camera.
Ad aprile 2007 ha avuto la funzione di segreteria operativa del Consiglio Direttivo dell’IMC (Presidente Richard Letts) svoltosi presso la propria sede in Roma (Largo di Torre Argentina, 11).
A ottobre 2009 il Segretario Generale CIDIM ha partecipato a Tunisi al 3° Forum Mondiale della Musica organizzato dall'IMC in collaborazione con il Ministero dei Beni Culturali della Tunisia.