STORIA

Come è nato il logo del CIDIM:
 
Il logo del CIDIM, un’elaborazione della grafica Elena Green, è stato ripreso da un celebre disegno del pittore viennese Moritz von Schwind (1804-1871), frequentatore della cerchia di amici di Franz Schubert e appassionato di musica. Schwind raffigurò su un foglio di carta pentagrammata una serie di silhouettes di gatti che si muovono su e giù per la pagina, intitolando l’opera "Die Katzensymphonie" (La sinfonia dei gatti) e dedicando il lavoro al rinomato violinista Joseph Joachim. L’illustrazione è conservata alla Staatliche Kunsthalle di Karlsruhe, Germania.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  
Il CIDIM - Comitato Nazionale Italiano Musica, da un'idea di Francesco Agnello, è stato fondato il 7 novembre del 1978, come CIDIM - Centro Italiano Di Iniziativa Musicale.

La sua attività ha avuto inizio con l’approvazione della legge n.8 dell’8 gennaio 1979, con la quale, per la prima volta, lo Stato sosteneva nel nostro paese istituti tesi a raccogliere documentazioni, fornire informazioni, effettuare ricerche sulle attività musicali, nonchè centri di iniziativa musicale con funzioni a carattere nazionale, promossi da enti ed associazioni, volti a realizzare forme di coordinamento organico e continuativo della produzione musicale e della sua distribuzione ed iniziative di carattere propedeutico e formativo, senza scopo. di lucro.

Il primo Presidente del CIDIM fu Carlo Maria Badini, allora Sovrintendente del Teatro alla Scala di Milano, che ha mantenuto la carica per otto anni (1978 - 1986). Francesco Agnello, operatore musicale, fu nominato, invece, Segretario Generale. Gisella Belgeri, concertista e fondatrice del Festival Autunno Musicale di Como, diventò componente del direttivo subito dopo, assumendo compiti e ruoli di rilievo.

La mission del CIDIM, assolutà novità nel settore, era quella di contribuire allo sviluppo della musica in forme e modi mai prima applicati promuovendo lo sviluppo della musica colta, classica e contemporanea, nel nostro Paese e all’estero favorendo:

- forme organiche e continuative di coordinamento tra enti pubblici (ministeri competenti, enti locali, IIC - Istituti Italiani di Cultura e ambasciate) e istituzioni musicali;
- la conservazione, lo sviluppo e la divulgazione dell’informazione, della documentazione, della raccolta dati e favorire ricerche e iniziative pubbliche e private di interesse musicale e musicologico attraverso la costituzione di  banche dati riguardanti i settori del mondo della musica (BDMI, BDCI e l'Archivio Musicale del Mediterraneo);
- la produzione e distribuzione musicale tramite rassegne nazionali e internazionali e la circolazione di complessi, compositori e interpreti italiani;
- lo sviluppo della ricerca e documentazione su temi legislativi, musicologici e storici, finalizzata all’analisi e allo studio delle attività musicali italiane;
- la collaborazione, in materia musicale, fra l’Italia e i paesi stranieri;
- la divulgazione d'iniziative, di carattere formativo, che valorizzassero il ruolo della musica nell’insegnamento scolastico.

Nel 1981  l’IMC - International Music Council (ONG in partnership ufficiale con l’UNESCO) riconobbe il CIDIM – Centro Italiano Di Iniziativa Musicale come Comitato Nazionale Italiano Musica.  
Nel 1985 il Ministero del Turismo e dello Spettacolo decise di affidare al CIDIM la predisposizione delle manifestazioni per l’Anno Europeo della Musica su proposta del Direttore Generale dello Spettacolo, Rocco Moccia, e del Vice Direttore Generale, Carmelo Rocca. Questo fu il primo riconoscimento ufficiale ottenuto dal CIDIM - Comitato Nazionale Italiano Musica.

Il buon esito di questa iniziativa comportò l'affidamento, da parte del Ministero, di altri importanti incarichi quali le commemorazioni di Mozart, Rossini, Monteverdi e altri eventi come il Festival Italy in Houston, Italy on Stage, la partecipazione al Festival di Praga, etc.

Il rapporto di collaborazione tra il Ministero e il CIDIM  è stato, poi, suggellato nel 1999 con il progetto Latina in Sud America, primo ciclo di concerti in Sud America, realizzato sotto l'alto patronato del Presidente della Repubblica e nato dall'esigenza di promuovere la musica colta italiana e di potenziare i rapporti fra i governi in quei paesi dove c'è una forte presenza di  importanti comunità italiane.

Sono seguiti ulteriori progetti internazionali e nazionali che hanno fatto del CIDIM oggi il principale ente di promozione italiano.

Significativi il progetto Suono Italiano, le iniziative musicali realizzate in collaborazione con i Musei Vaticani e quelle volte a ricordare il fondatore Francesco Agnello attraverso un apposito Concorso di Composizione la cui giuria nel 2015 è stata presieduta da Ennio Morricone.


                                                          Organigramma storico


Presidenti

Carlo Maria Badini: 1978 - 1986
Francesco Agnello: 1986 - 2010
Luigi Corbani: 2010 - 2014
Lucio Fumo: dal 2014

Vicepresidenti

Francesco Agnello: 1979 - 1986
Carlo Peruchetti: 1986 - 1993
Maria Luisa Paronetto Valier: 1986 - 1989
Bruno Grieco: 1989 - 1993
Walter Vergnano: 1993 - 1999
Gisella Belgeri: 1993 - 1995
Giovanni Chiarion Casoni: 1995 - 2004
Aldo Bennici: 1999 - 2005
Maria Teresa Corsi Accardo: 2005 - 2008
Vincenzo Del Signore: dal 2010
Lucio Fumo: 2010 - 2014
Francescantonio Pollice: dal 2014

Segretari Generali

Gisella Belgeri: 1982 - 1995
Stefania Agnello: 2008 - 2011

Direttori Artistici

Aldo Bennici: 1999 - 2008

Direzione Artistica e Culturale

Filippo Juvarra: dal 2008
Dario Oliveri: 2008 - 2012
Piero Rattalino: 2008 - 2012
Piero Niro: dal 2013
Francescantonio Pollice: dal 2013