NUOVE INCISIONI, DVD



CD
Leonardo Leo - Sonate per flauto basso continuo
Interpreti Ensemble Barocco di Napoli
Numero di catalogo discografico STR 33969 2014

Prezzo: 13.48 €
Shop

Descrizione: Tommaso Rossi, flauto dolce
Ensemble Barocco di Napoli
Patrizia Varone, clavicembalo
Ugo Di Giovanni, arciliuto
Marco Vitali, violoncello
Raffaele Di Donna, flauto dolce basso

Con il cd dedicato alle sonate per flauto di Leonardo Leo (S. Vito dei Normanni 1694-Napoli 1744), edito da Stradivarius, si riportano alla luce, in prima registrazione assoluta, gemme barocche relegate all’oblio. Sette Sonate per flauto e basso continuo in cui il compositore di S. Vito dei Normanni, maestro delle strutture polifoniche, infonde grazia nei disegni melodici ora vividi e coloriti, ora elegiaci, sempre mirabili nella loro espressività. L’uso del flauto dolce, tra il 1710 e 1730, conobbe a Napoli una straordinaria fortuna, come dimostra la sua presenza in numerose composizioni esplicitamente dedicate a questo strumento. Le sonate di Leo aggiungono dunque una nuova luce al repertorio per flauto della Scuola Napoletana e sono una preziosa testimonianza di un interesse significativo per questo strumento da parte del compositore che si affianca a quello per il violoncello.
“Un ruolo particolare, per l’indubbio valore estetico della loro fattura musicale e per l’interesse che rappresentano nell’ambito del repertorio flautistico di quegli anni, spetta alle sette sonate di Leonardo Leo per flauto e basso continuo - spiega Tommaso Rossi - fino ad oggi inedite sia in edizione a stampa che in registrazione discografica e completamente ignorate in ambito esecutivo.”
Nelle Sonate non mancano atteggiamenti del Leo operista, in particolare del compositore di opere buffe, come testimoniano i ritmi frizzanti e le seducenti melodie degli adagi. Ma ci sono anche notevoli rimandi al Leo compositore di opere serie. La complessiva temperie musicale delle Sonate, alcune tipologie di incisi e di ripetizioni tematiche mostra uno stile che colloca questa raccolta in un clima non lontano da quello dell’opera Zenobia in Palmira, eseguita a Napoli, al Teatro San Bartolomeo, nel 1725.
Leonardo Leo è davvero un compositore affascinante per la capacità di mutare stile a seconda della destinazione delle sue opere. Monumentale nella musica sacra, virtuosistico nell’opera seria, spiritoso nell’opera comica, delicato e seducente in queste sonate per flauto.
L’attenzione per il flauto che riscontriamo nella produzione strumentale del primo ‘700 è dovuta al fatto che questo strumento divenne ben presto assai in voga presso gli ambienti aristocratici e alto-borghesi, seguendo una moda che, iniziata presso la corte di Luigi IXV in Francia, si estese ben presto a tutta l’Europa. A Napoli suonavano il flauto esponenti della famiglia Serra di Cassano, della famiglia Carafa, e lo stesso Vicerè Austriaco Harrach, nella cui collezione (oggi alla New York Library) sono state trovate le sette sonate di Leo, probabilmente era un flautista dilettante. Aloys Thomas Raimund Harrach (Bratislava, 7 marzo 1669 – Vienna, 7 novembre 1742) –fu Viceré di Napoli tra il 1728 e il 1733. Possiamo ancora oggi ammirarlo in un famoso quadro di Francesco Solimena che lo ritrae in piedi, a figura quasi completa, con alle sue spalle la sagoma nera del Castel Nuovo, e in un quadro di Nicola Maria Rossi, in cui intuiamo la sua presenza nella carrozza vicereale all’uscita dal Palazzo dei Viceré, circondato da una folla di soldati e cortigiani. La raccolta Harrach di New York custodisce numerosi pezzi per flauto e basso continuo di autori napoletani. Oggi possiamo dire che la produzione strumentale napoletana del XVIII secolo sia ancora tutta da riscoprire e valorizzare, che per varie ragioni è oggi ancora poco nota, messa in ombra dalla grande produzione operistica e sacra. In realtà la Scuola Napoletana fu in grado di proporsi anche come fucina di strumentisti virtuosi (pensiamo ai Quattro Conservatori di Musica) e, nello stesso tempo, attraverso un’attività compositiva vivacissima, alimentò il fiorente mercato privato degli appassionati e dei musicisti dilettanti. Il motivo per cui questo repertorio è oggi difficile da ricostruire è dovuto alla scarsa propensione editoriale dei Napoletani. Infatti soltanto alla fine del XVIII secolo fu creata a Napoli una moderna editoria musicale e quindi tutto il repertorio precedente venne tramandato attraverso copie manoscritte, spesso copie uniche, con tutti le problematiche connesse a una scarsa diffusione, se non addirittura alla possibile perdita.

Anno di registrazione 2013

Elenco brani
- Sonata per flauto e bc n.1 in FA
- Sonata per flauto e bc n.2 in DO
- Sonata per flauto e bc n.3 in re
- Sonata per flauto e bc n.4 in FA
- Sonata per flauto e bc n.5 in FA
- Sonata per flauto e bc n.6 in sol
- Sonata per flauto e bc n.7 in re



Titoli ed esecutori

()
Ensemble Barocco di Napoli