Giusy Caruso

CONTATTI
INDIRIZZO: via T. Arnoni 6 L
CAP: 87100
CITTA': Cosenza
PROVINCIA: CS
PAESE: Italia
TELEFONO: +39 0984 23278
CELLULARE: +39 349 8186846
SKYPE: caruso.giusy
Cosenza, 1976
Ruoli legati alle composizioni presenti in Banca Dati:
Pianoforte
Biografia
ultimo aggiornamento: 04-05-2017
E' pianista concertista e ricercatrice in musicologia e prassi esecutiva pianistica presso l’IPEM - Dipartimento di Musicologia, Arte, Musica e Teatro dell’Università di Gand (Belgio), in affiliazione con il KASK - Scuola delle Arti di Gand, Conservatorio Reale. I suoi molteplici interessi per la ricerca musicologica, il teatro, la danza, l’improvvisazione, lo yoga e le culture orientali fanno di lei un’artista polivalente incline ad innovative sperimentazioni. Stimolata da una ricerca continua di nuove formule performative, i suoi progetti artistici si basano su un repertorio che spazia dalla musica classica allo stile contemporaneo e spesso presentano interazioni con le arti visive, il teatro e la danza. Premiata da importanti istituzioni, Giusy Caruso svolge attività concertistica in Europa, Asia e America. Ha al suo attivo lavori discografici di cui ha curato anche le note all’ascolto, come il CD monografico su Franz Liszt, Il misticismo di un diabolico romantico, che ha ottenuto il Golden Label dalla critica musicale belga per “l’intensità musicale, l’alta qualità (pianistica e di registrazione) e la generosa atmosfera emanata dall’ascolto”. Di recente pubblicazione è il CD Nella sfera del suono, crocevia di mondi dedicato a composizioni di autori italiani contemporanei (Giacinto Scelsi, Biagio Putignano, Davide Anzaghi), mentre è in fase di pubblicazione il cofanetto contenente l’integrale dei 72 Studi Carnatici per pianoforte di Jacques Charpentier (1933) nell’esecuzione live (in prima assoluta) in un concerto tenuto dalla pianista il 26 Novembre del 2016 presso l’Auditorium del Conservatorio di Carcassonne (Francia). Ha registrato per emittenti radiofoniche e televisive in Italia (RAI, Sat 2000, RADIO VATICANA, RADIO CEMAT) e in Olanda (Radio Rjimond). Nell’ambito delle sue sperimentazioni artistiche, Giusy Caruso è risultata tra i rari pianisti a realizzare la trasgressiva performance Stop, Repair, Prepare: Variations on Ode to Joy for a Prepared Piano https://www.youtube.com/watch?v=Zl5aa_NESyA, su pianoforte Bechstein (il pianoforte al contrario), opera d’arte e installazione mobile degli artisti sudamericani Allora&Calzadilla, presentato al museo MoMa di New York e andato in scena nel personale arrangiamento della Caruso da Ottobre a Dicembre 2011 presso l’Argos Centre of Art and Media di Bruxelles e nel Settembre 2014 presso il Museo d’arte Contemporanea del Castello di Rivoli (Torino). Come artista ricercatrice e musicologa, Giusy Caruso è impegnata nello studio dell’influenza della musica indiana nel repertorio pianistico contemporaneo francese nonché sull’analisi della performance in relazione alla corrispondenza tra gesto e interpretazione musicale attraverso l’applicazione di sofisticate tecnologie per l’analisi del movimento come il Motion Capture System https://www.youtube.com/watch?v=tOmF4YeBgvY. Dal suo lavoro di ricerca sono nati articoli pubblicati su riviste specialistiche internazionali quali Cahiers Internationaux de Symbolisme http://portail.umons.ac.be/FR/universite/partenaires/ciephum/Pages/default.aspx e Contemporary Music Review http://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/07494467.2016.1257292. E’ stata invitata a tenere conferenze-concerto per importanti Istituzioni Universitarie Europee di Ricerca Artistica Musicale quali: Liszt Symposium - Amsterdam 2011; European Platform for the Artistic Research in Music - Accademia Santa Cecilia, Roma 2012; Istituto di Musicologia di Amburgo, 2012; Royal College of Music, Londra 2013; Goldsmiths University of London 2017; Istituto Internazionale di Ricerca Artistica Orpheus - Gand 2013/2014/2016; Conservatorio Superiore di Musica di Vigo, Spagna 2013; Società Beethoven ACAM – Crotone 2013/2014; Università di Bangkok Tailandia 2014; Centro d'Expérimentation Teatro Colon, Buenos Aires, 2015; CRAFT Festival, Conservatorio di Rotterdam, 2016; Conservatorio di Bari, 2014; Conservatorio di Milano, 2017. Dopo la laurea con lode in pianoforte e in filosofia in Italia, Giusy Caruso ha proseguito gli studi pianistici presso il Mozarteum di Salisburgo, il Conservatorio Felix Mendelssohn di Lipsia, il Conservatorio di Rotterdam, dove ha conseguito con alta distinzione il Master’s Degree in piano performance, e presso il Conservatorio Reale di Gand, dove ha ottenuto con alta distinzione il Post - Master in musica contemporanea.
Fonte diretta


Discografia catalogata