Angela Meluso

Ruoli legati alle composizioni presenti in Banca Dati:
Pianoforte
Biografia
ultimo aggiornamento: 12-04-2022
Angela Meluso, pianista, concertista e didatta, si diploma con il massimo i voti e la lode presso il Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria sotto la guida del M° Giacomo Fuga vincendo l’undicesima edizione del “Premio Ghislieri” come migliore pianista. Si perfeziona in pianoforte con Lazar Berman, seguendo i corsi annuali di alto perfezionamento presso l’ Accademia Musica di Firenze e presso l’Accademia Perosi di Biella, con Vincenzo Balzani presso l’ Accademia Hipponiana di Reggio Calabria ed in musica da camera con Eugenio Bagnoli, Mauro Tortorelli, il Trio di Trieste e il Trio di Parma presso la Scuola Internazionale Superiore di Musica da Camera di Duino. Vincitrice di Concorsi nazionali ed internazionali, tiene concerti alla “Beethovengedenkstatte” di Vienna, al ”Festival Internazionale di Musica Contemporanea” di Tirana ed in prestigiosi teatri italiani. (Teatro Revoltella di Trieste, Teatro Rendano di Cosenza, Teatro Costabile di Lamezia- Terme, Teatro Torti di Bevagna, etc.). Collabora assiduamente con affermati artisti, quali: Guido Arbonelli, Pierluigi Bernard, (primo clarinetto Orchestra Sinfonica di Tenerife) , Massimo Macrì (primo violoncello Orchestra Rai di Torino), Alexandra Gutu, Loris Antiga (corno London Symphony Orchestra); le prime parti dell’orchestra del Teatro San Carlo di Napoli- Domenico Sarcina (primo oboe), Luca Sartori (primo clarinetto), nonché con Francesco Bossone, primo fagotto dell’Orchestra di Santa Cecilia di Roma. Viene regolarmente invitata quale membro di giuria in Concorsi Nazionali ed Internazionali e come docente di pianoforte e musica da camera per Lecture-concerto e masterclass. Nel 2009, insieme al violinista Mauro Tortorelli, costituisce il “Gran Duo Italiano”. Insignito nel 2011 del Premio Mediterraneo dalle più alte cariche dell’Unione Europea per il lavoro di ricerca musicologica, riscoperta e valorizzazione del patrimonio artistico-musicale italiano, il Gran Duo Italiano, in qualità di ambasciatore della musica italiana nel mondo ha tenuto concerti in piú di 20 Paesi del mondo (Italia, Germania, Croazia, Paesi Bassi, Malta, Giappone, Cina, Messico, Stati Uniti, Panama, Ungheria, Romania, Svezia, Norvegia, Russia, Ucraina, Corea del Sud, Giordania, Emirati Arabi, Spagna, Astria, etc.) esibendosi nelle più prestigiose sale da concerto, quali: Carnegie Hall di New York, Munetsugu Hall di Nagoya, Filarmonica di Kiev, Laeiszhalle Hamburg, Gasteig di Monaco, Filarmonica di Timisoara, Ilshin Hall di Seoul,Y Theater di Hong Kong, etc. Da oltre 10 anni, infatti, il Gran Duo Italiano si occupa di riscoprire tesori musicali italiani e non, ingiustamente dimenticati, portando alla luce veri e propri tasselli mancanti della storia della musica. Il lavoro di ricerca viene costantemente documentato attraverso incisioni discografiche in prima mondiale, nonché valorizzato e divulgato attraverso masterclasses, seminari e concerti in tutto il mondo. Nel 2012 tiene una lezione-concerto su “le grandi scuole violinistiche” per la 40° Conferenza Internazionale Esta al Teatro di Porec (Croazia), nel 2013 una conferenza-concerto su “la musica di Camillo Sivori” all’Emirates International Festival di Dubai, nel 2014 una masterclass- concerto su “Paganini e la musica contemporanea” presso l’Università di Aichi (Nagoya) in Giappone. Nel 2014, inoltre, debutta a Berlino presso lo Stilwerk- Bechstein Centrum, al Coseilpalais- Festsaal di Dresda, Harmoniesaal- Spiegelsaal di Bamberg ed al Gasteig di Monaco riscuotendo unanimi consensi di pubblico e di critica. Nello stesso anno tiene un concerto in occasione della “Italienischer Kultur Abend” organizzata dalla Konrad Adenauer Stiftung di Berlino alla presenza delle più alte cariche istituzionali della Germania. Nel 2015 torna in Giappone suonando nelle più importanti sale da concerto di Nagoya, Fukuoka, Osaka, Kagoshima. Nel 2016 il Duo è invitato a tenere concerti presso il Conservatorio Superiore di Tenerife, al Casino Reale dell’Isola e alla Filarmonica di Timisoara. Nel 2017 debutta alla Carnegie Hall di New York con un concerto dedicato alla musica riscoperta di Sivori e Scalero che replicherà successivamente a Kazan (Russia) in occasione della 45° Conferenza Internazionale Esta. Nel 2018, in occasione del 50esimo anniversario della morte del compositore Mario Castelnuovo Tedesco e della presentazione del triplo CD Brilliant Classics dedicato al Maestro fiorentino, Il Gran Duo Italiano si esibisce a Firenze (Sala del Buonumore- Conservatorio di Musica), Budapest (Sala G. Verdi), Amman (Conservatorio Reale e Al-Hussein Cultural Center), Seoul (Ilsinh Hall), Hong Kong (Polytechnic University Auditorium) e L’Aja (Korzo Theater). Vanta incisioni discografiche in prima mondiale su musiche di Gaetano Fusella, Camillo Sivori (unico allievo di Paganini), Rosario Scalero (allievo di Sivori ), Mario Castelnuovo Tedesco (triplo Cd Brilliant Classics) ottenendo grande successo di pubblico e di critica in trasmissioni radiofoniche (Rai Radio3 Suite, Primo movimento Rai Radio3, Radio Malta, Radio France,Radio Francesco Musique, Radio Unam e Radio Imer di Città del Messico, Hong Kong Radio Television) e recensioni 5 stelle su riviste specializzate: Musica, Amadeus, Fanfare, Harmonia Mundi, Gramophone, Diapason. Si dedica inoltre alla musica francese con l’incisione discografica delle opere per violino e pianoforte di C.Saint-Saens, D.Milhaud (Sonate per violino e pianoforte, viola e pianoforte/ Chamber Music con il primo clarinetto dell’ Orchestra Sinfonica di Tenerife. Di recente uscita per l’etichetta Brilliant Classics un Cd dedicato alla musica d’insieme (dal Duo al quartetto) di Mario Castelnuovo Tedesco con l’Ensemble Italiano -composto dal Gran Duo Italiano, Pierluigi Bernard e Massimo Macrì (primo violoncello RAI Torino); l’integrale delle opere per violino e pianoforte di Rosario Scalero (Triplo Cd Brilliant Classics) e un cd dedicato alle opere per violino e pianoforte dei grandi didatti del violino O. Sevcik e L. Auer. Angela Meluso è considerata dalla critica una pianista dotata di gran temperamento, sensibilità interpretativa dal tocco particolarmente comunicativo, è molto attiva anche nella ricerca e nella sperimentazione nel campo della didattica musicale. E’ autrice del metodo didattico “Solfeggianimando” per l’alfabetizzazione musicale (edizioni Zaccara 2008).

Fonte diretta


Discografia catalogata

CD
Mauro Tortorelli, Angela Meluso
Tactus sas di S. Rossi & C., Castenaso, 2012
Numero di catalogo discografico TC.811901

Descrizione:
Camillo Sivori, detto anche il «Paganinetto» fu l’unico allievo di Nicolò Paganini, e a differenza del maestro, intraprese giovanissimo (appena dodicenne) la carriera concertistica all’estero, infiammando le sale da concerto di Parigi e Londra; dal 1840, anno della morte di Paganini, diviene il primo convinto diffusore delle musiche del grande maestro, portando ad avanzamento e maturazione il concetto di interpretazi... continua a leggere


CD
Mauro Tortorelli, Angela Meluso
Tactus sas di S. Rossi & C., Castenaso, 2010
Numero di catalogo discografico TC.870601

Descrizione:
Nato a Napoli nel 1876, Fusella non tardò a mettersi in luce come uno dei solisti più dotati del vivace panorama musicale napoletano di fine secolo e appena ventenne prese parte a una lunga tournée che, partendo dall’Egitto, raggiunse i paesi dell’Estremo Oriente. Nel 1899 si trasferì in Svezia, dove rimase per sei anni, fondando una scuola di violino. Tornato a Napoli, ottenne la cattedra di violino al Conservato... continua a leggere




Bibliografia catalogata

Solfeggianimando
di Angela Meluso
Illustrazioni Giordana Galli

Tipografia Editrice Zaccara, Lagonegro,

pp. 80, 15,00 € + 5,00 spese di espedizione

Descrizione:
Un metodo ritmico- melodico, innovativo ed originale, ispirato al mondo degli animali.
Il progetto nasce dall’esperienza e dall’esigenza di sperimentare nuove metodologie per l’alfabetizzazione musicale e si propone di educare al ritmo e al suono attraverso la riproduzione grafica, ritmica e sonora dei versi animali. Le note vengono associate a differenti colori al fine di permetterne il riconoscim... continua a leggere