INTERVISTE



#tempocalmo: 5 domande a musicisti in tempo di coronavirus: Viviana Guzman
Viviana Guzman, flautista
1 - Come passa il suo tempo e di cosa si sta occupando sul piano musicale?
Normalmente, trascorro la metà del mio tempo in un mese in giro per il mondo (Argentina, Cile, Brasile, Barbados, Perù, proprio da gennaio, febbraio e marzo 2020). Ma poiché per ora non è possibile viaggiare, sto facendo lezioni su zoom! Ho i miei studenti dell'Università della California Santa Cruz e i miei studenti della Peninsula Youth Orchestra. Non è l'ideale, ma non è impossibile insegnare, il che ci dà un merito positivo durante questi tempi difficili. Ho creato un gruppo virtuale di flauto con alcuni dei miei studenti PYO che è stato selezionato dalla televisione nazionale per il programma televisivo americano, TODAY Show di cui gli studenti erano molto entusiasti!
2 - Ha proposto sue esecuzioni in streaming?
Dato che ho dovuto annullare l'evento annuale della Flute Society di San Francisco, il Flutes by the Sea Masterclass, ho deciso di provare a presentare alcuni concerti LIVE con artisti di tutto il mondo. Ma dato che non ho una buona connessione a Internet (sì, sono a 20 minuti dalla Silicon Valley ma ho un wifi scadente perché vivo in una zona costiera rurale con torri per telefoni cellulari piccole o assenti), non ho continuato con l'impresa.
3 – Terminata l’emergenza COVID - 19 a suo avviso il modo di fruire la musica dal vivo sarà lo stesso o ripensato?
Penso che tutti i musicisti si sentiranno ancora più grati per le esibizioni pubbliche. E spero che lo stesso sia vero per il nostro pubblico!
4 - Quale futuro lavorativo si prospetta per il settore e soprattutto i giovani interpreti dopo la pandemia?
Spero che torneremo tutti alle "cose normali", ma penso che sia difficile dirlo con certezza, l'intera situazione è stata così completamente inaspettata, specialmente la cancellazione di concerti ed eventi, per tutti noi. Il nostro futuro è nelle mani dei nostri governi. Penso che sia ironico che ci sia permesso di volare su aeroplani (ho amici che hanno preso voli di recente), ma non possiamo esibirci o assistere a un concerto, o persino fare le prove con gli altri. Gli aeroplani sono molto più stretti, con poca circolazione dell’aria, rispetto a qualsiasi sala da concerto classica. Ma ancora una volta, è nelle mani dei nostri governi. Incoraggerei i giovani artisti a variare e non fare affidamento esclusivamente sulle esibizioni. Ad esempio, insegnare, registrare sessioni, registrare album, registrare per compositori, arrangiare musica, comporre musica, mantenere un canale YouTube o Instagram, sono altri modi per mantenersi attivi e non fare affidamento al 100% sulle performance per entrate o esposizioni.
5 – Vuole rivolgere un pensiero/appello al pubblico dei concerti?
Pubblico da concerto: abbiamo bisogno di voi! La nostra vita, il nostro sangue prospera negli spettacoli. Se ti sei mai sentito commosso dalla musica eseguita sul palco, ricorda che l'esperienza è una strada a doppio senso. I musicisti devono sentire il brivido di un pubblico dal vivo tanto quanto un pubblico deve sentirsi commosso dai musicisti dal vivo. Sì, tutto è disponibile online, ma sperimentare un EVENTO LIVE è la differenza tra 3D e 2D.
viviana.org/

© Cidim