INTERVISTE



#tempocalmo: 5 domande a musicisti in tempo di coronavirus: Anne-Cathérine Heinzmann
Anne-Cathérine Heinzmann, flautista
1 - Come passa il suo tempo e di cosa si sta occupando sul piano musicale?
I giorni di Covid-19 sono molto più tranquilli del solito. Questo dipende dal fatto che non devo fare tante cose come al solito, e che quindi la vita generale è rallentata. La mia pratica quotidiana non influisce su questo - non cambia molto. Ciò che cambia è il mio senso del tempo: ho più calma e serenità nella mia routine quotidiana e posso usare il tempo per cose che altrimenti non avrei avuto. Noto anche che posso lavorare in modo molto creativo, pensare a progetti nuovi e futuri e pianificarli. Ascolto molta più musica del solito e leggo molto.
2 - Ha proposto sue esecuzioni in streaming?
No, non l'ho fatto. Sono fortunata che tutti i miei concerti sono stati rimandati al prossimo anno e posso così compensarli. Naturalmente preferisco i concerti live a quelli online. Quello che faccio praticamente è insegnare alla mia classe. Abbiamo un argomento ogni mese, dal quale realizziamo un video e alla fine del mese lo pubblichiamo. Il modo virtuale è meglio di niente, ma non penso che sia un sostituto adeguato per un'esecuzione dal vivo e non voglio supportarlo oltre il necessario.
3 – Terminata l’emergenza COVID - 19 a suo avviso il modo di fruire la musica dal vivo sarà lo stesso o ripensato?
Penso che la pandemia abbia causato un cambiamento generale nella percezione delle persone. Se si esprimerà positivamente, significa che le persone saranno più aperte all’esperienza del concerto dal vivo e potranno meglio apprezzarne la sensualità. Noi musicisti non dovremmo mai perdere la nostra fiducia nei concerti live e lottare per il fatto che la creatività deve essere preservata. Al contrario, posso anche immaginare che i giovani in particolare stiano cadendo ancora di più in questo mondo digitale. Tutto è accessibile in ogni momento e anche questo è un grande vantaggio. Spero vivamente che questo fenomeno porterà anche a una maggiore consapevolezza della sensualità del live tra i giovani. Se non in momenti come questo, quando?
4 - Quale futuro lavorativo si prospetta per il settore e soprattutto i giovani interpreti dopo la pandemia?
Questo è un campo ampio. Penso che non solo i giovani artisti debbano ripensare a tutto. Questa situazione era così anche prima della pandemia. Soprattutto, la ricerca di un pubblico giovane ed entusiasta è problema generale nella musica classica, anche prima del Covid - 19. Posso immaginare che molte istituzioni musicali si presenteranno di più online anche perché così potranno raggiungere più persone. La domanda relativa a questo è la questione dell'esperienza e della qualità dei concerti. Penso che il modello tradizionale del "concerto classico" continuerà ad esistere. Ma le giovani generazioni investiranno praticamente più che mai nell’online. Se sei creativo qui, può essere un nuovo settore, una nuova opportunità di raggiungere molte più persone, compresi i giovani. Come artisti, dobbiamo chiederci se vogliamo questo e quale qualità richiediamo per l'esperienza della musica.
5 – Vuole rivolgere un pensiero/appello al pubblico dei concerti?
Non vedo davvero l'ora che arrivi la prossima stagione di concerti! Sarà tutto più colorato e certamente conterrà molte varianti. Non vedo l'ora di rivederti, caro pubblico e condividere ottima musica con te, sia come solista che come ascoltatore!
www.annecatherineheinzmann.de
© Cidim