INTERVISTE



#tempocalmo: 5 domande a musicisti in tempo di coronavirus: Paula Robison
Paula Robison, flautista - già docente alla Juilliard School di New York
1 - Come passa il suo tempo e di cosa si sta occupando sul piano musicale?
È stato tutto così improvviso, il cambiamento. Per prima cosa ho dovuto capire come proteggere la mia famiglia e come condurre la nostra vita in un blocco, e come affrontare la tristezza delle esibizioni perse e di così tante perdite di vite umane. E poi ho dovuto imparare a insegnare online! In vita mia non l'avevo mai fatto prima! Apprezzo molto la comunicazione personale tra insegnante e studente: in questo modo sono come una ballerina. Mi piace vedere e ascoltare la musica nello spazio affinché avvenga la magia, quindi ho sempre detto "no" all'insegnamento online. Ma questo era diverso. Tutti i miei studenti del New England Conservatory avevano bisogno delle loro lezioni. Ho dovuto imparare rapidamente come insegnare loro online in cinque diversi fusi orari internazionali! Ho pregato. Ho chiesto una guida. E la parola arrivò: Johann Sebastian Bach! Quindi nelle ultime 7 settimane abbiamo studiato le Sonate di Bach complete e la Partita via Internet. Le avversità hanno dato vita all'invenzione e all'immaginazione. Siamo stati tutti arricchiti da questo studio, oltre misura. Oltre alla musica di Bach, ho ottenuto un grande conforto dal mio giardino. Quando lavoro lì, dimentico tutto il resto. Il giardino è fiorito! Mi dice: “Abbi cura della terra! Prenditi cura della nostra casa qui! ” E sto cucinando. Per lo più in stile italiano, riportando i miei ricordi del Festival di Spoleto e di tutti gli anni felici che abbiamo trascorso lì.
2 - Ha proposto sue esecuzioni in streaming?
Sono stata un po' un eremita durante questo periodo. Lo devo confessare. Sono entrata in me stessa e ho pensato molto alla mia lunga vita nella musica e mi sono posta molte domande! Quando troverò le risposte, imparerò come trasmettere in streaming alcune esibizioni! Forse questa estate!
3 – Terminata l’emergenza COVID -19 a suo avviso il modo di fruire la musica dal vivo sarà lo stesso o ripensato?
Credo che quando questa pandemia sarà cessata, sperimenteremo la musica dal vivo in modo più grato e più gioioso che mai. Penso a come i newyorkesi stiano creando saluti di ringraziamento ai dottori che si sono prodigati per la pandemia verso le loro finestre ogni sera alle 19:00, ispirati da voi che siete I nostri fratelli e sorelle italiani, che siete stati all'avanguardia in questa battaglia, e il cui canto e tamburello suonati dalle vostre finestre sono stati d'ispirazione per tutti noi qui. Siamo tutti affamati per un contatto personale ora. Ci mancano le nostre famiglie di artisti e l'abbraccio del nostro interscambio creativo. Ma siamo in una battaglia, in lotta per la salute, la verità e la bellezza. Dobbiamo essere coraggiosi guerrieri e dobbiamo vigilare con attenzione sulla luce dentro di noi, la luce che la bellezza dà. Un giorno saremo in grado di riaccendere quella luce insieme. Nel frattempo dobbiamo proteggerla con le nostre vite.
4 - Quale futuro lavorativo si prospetta per il settore e soprattutto i giovani interpreti dopo la pandemia?
Per prima cosa dobbiamo salvare il nostro pianeta. Credo che stiamo ricevendo un messaggio molto forte per fare questo, per smettere di correre verso l'estinzione. Dobbiamo guarire noi stessi, perché non stiamo bene. L'arte fa parte della nostra salute. Senza l'arte non siamo pienamente umani. Essere pienamente umani significa anche riconoscere la santità della vita e rispettare e nutrire tutte le forme di vita qui sulla terra. Questa è un'opportunità per tutti noi di ripensare a ciò che facciamo e di immaginare come possiamo tornare in un modo nuovo, un modo più generoso, rallegrandoci della nostra esistenza qui, nello spettacolo dal vivo che è l'espressione di tale esistenza, e nelle possibilità della nuova comunione che la tecnologia ci sta dando. I giovani musicisti lo stavano già immaginando prima della pandemia. Saranno i nostri leader quando torneremo tutti.
5 – Vuole rivolgere un pensiero/appello al pubblico dei concerti?
Abbiate fede. Non disperate. La bellezza prevarrà. Staremo di nuovo tutti insieme. Grazie per avermi chiesto questa intervista. www.paularobison.com/

© Cidim