INTERVISTE



#tempocalmo: 5 domande a musicisti in tempo di coronavirus: Jihoon Shin
Jihoon Shin, flautista
1 - Come passa il suo tempo e di cosa si sta occupando sul piano musicale?
Sono già passati più di 2 mesi da quando sono rimasta a casa dopo la pandemia del 19 gennaio. All'inizio, mi sentivo frustrata e annoiata di stare sempre in casa, ma giorno dopo giorno, ho iniziato a trovare cose da fare che prima non ero in grado di fare a causa di un intenso programma. Ho finalmente trovato il tempo di dipingere, ascoltare musica, guardare vari film, leggere libri, passare più tempo con il mio cane e il mio gatto, fare pratica con pezzi che avrei sempre voluto imparare, prendere lezioni di cucina onlin... L'elenco potrebbe continuare all'infinito... Quindi direi che ho trovato il modo di tenermi occupata durante questa crisi. Riguardo a ciò che sto facendo per mantenere o migliorare il mio livello musicale, pratico la maggior parte dei giorni, sonorità, scale e studi per mantenermi in forma. In qualche modo trovo molto tranquillo passare il tempo con il mio flauto senza stress. Oltre a questo, provo ad ascoltare molti generi musicali diversi. Non solo musica classica, ma jazz, rock, blues, pop, country o anche folk... e così via, probabilmente ne sto ascoltando molta. È molto divertente. Con tutte queste attività, la giornata passa abbastanza velocemente.
2 - Ha proposto sue esecuzioni in streaming?
No. Mi piacerebbe, ma non ho sentito la necessità di farlo per ora…
3 – Terminata l’emergenza COVID - 19 a suo avviso il modo di fruire la musica dal vivo sarà lo stesso o ripensato?
Penso che l'esperienza di musica dal vivo stessa non cambierà. Attraverso questa crisi di covid, è anche vero che abbiamo sicuramente trovato un'altra piattaforma per le performance e forse entrambi i modi possono coesistere. Ma alla fine, la piattaforma online non sarà mai in grado di dare la stessa sensazione al pubblico dell’esperienza dal vivo. Ad esempio, a causa di questa emergenza Covid, ho dovuto cancellare molti concerti e masterclass, che erano programmati per questa estate. Per alcuni tra questi, che mi sono sentita male nell'annullarli, ho offerto loro di inviare alcuni video in modo che, se lo avessero desiderato, potevano trasmetterli in streaming nella loro sala... ma hanno rifiutato, perché pensano che l'esperienza che il pubblico avrebbe non sarebbe la stessa... ed è allora che mi sono resa conto che le esibizioni dal vivo saranno ancora la principale esperienza musicale preferita dalle le persone.
4 - Quale futuro lavorativo si prospetta per il settore e soprattutto i giovani interpreti dopo la pandemia?
Tecniche di streaming online. Sicuramente una certa capacità di utilizzare comodamente i programmi di editing video o audio per promuoversi online. Vedo molti esempi in questi giorni, anche nella mia orchestra, stiamo realizzando video musicali divertenti e interessanti. Non avrei mai pensato che il lavoro di videomaker fosse così utile in questo settore musicale. Senza di loro, tutto ciò non sarebbe stato possibile e mi ha fatto riflettere su quanto sia importante sapere come lavorare con i video o gli impianti di registrazione in questi giorni.
5 – Vuole rivolgere un pensiero/appello al pubblico dei concerti?
Spero che realizzino di più che tipo di ruolo svolgono i musicisti in questa società. Spesso veniamo trascurati per molte ragioni perché non otteniamo un grande profitto suonando musica classica, ma a volte non si tratta sempre di guadagno materialistico. Ciò che i musicisti sono in grado di creare, è probabilmente molto più importante nella loro vita di un pezzo di carta. Senza musica, cosa farebbe la gente in questo lungo periodo di blocco? Non ho dubbi che la musica sia una delle fonti che dà alle persone una certa pace nella loro mente e nel loro cuore.

© Cidim