INTERVISTE



#tempocalmo: 5 domande ai musicisti in tempo di coronavirus: Emmanuel Pahud
Foto: di F. Cianfoni
Emmanuel Pahud, flautista - primo Flauto dei Berliner Philharmoniker
1 - Come passa il suo tempo e di cosa si sta occupando sul piano musicale?
Ero appena stato in Africa per le vacanze nel periodo sabbatico per il mio cinquantesimo compleanno, quando il lockdown è stato gradualmente installato in tutta Europa, e sono rimasto lì per 28 giorni, ho cercato di godermeli il più a lungo possibile fino all'ultimo volo di rimpatrio. Dopo due settimane di quarantena volontaria a casa a Berlino, abbiamo fatto proposte per riprendere gradualmente la nostra attività concertistica alla Philharmonie di Berlino, senza pubblico per ora, iniziando con gruppi più piccoli. Il primo concerto dell'Orchestra si terrà il primo maggio in diretta TV, con la Quarta Sinfonia di Mahler suonata nella sua versione da camera con il nostro direttore Kirill Petrenko.
2 - Ha proposto sue esecuzioni in streaming?
L’ho sempre fatto - molto prima del coronavirus, sia per i miei album da solista che per la Digital Concert Hall della Berlin Philharmonic. Abbiamo suonato il primo concerto dal vivo della Philharmonie il 18 aprile per Flauto Viola e Arpa. Non suono da casa perché non ho né l’attrezzatura adeguata né l’acustica per fornire qualcosa di soddisfacente alle mie orecchie... e comunque sono impegnato a studiare e a preparare gli altri concerti.
3 - Terminata l’emergenza COVID - 19 a suo avviso il modo di fruire la musica dal vivo sarà lo stesso o ripensato?
Dopo un periodo di intenso piacere nel tornare alla vita "normale", dove sarà così significativo per tutti noi esibirci e ascoltare la musica dal vivo, temo che molte abitudini - buone e cattive - riprendano, e che dimenticheremo cosa significa la libertà. Ma concerti, conferenze, fiere, spettacoli, festival riprenderanno per ultimi, dopo il turismo, la gastronomia e i trasporti.
4 - Quale futuro lavorativo si prospetta per il settore e soprattutto i giovani interpreti dopo la pandemia?
Dipende dal dialogo che i musicisti intratterranno con le autorità sanitarie e politiche, e potrebbe essere diverso in varie parti del mondo. Dobbiamo qui prima pensare a suonare insieme alle persone nella stessa città, prima di pensare ai tour o ai festival. Dobbiamo creare una comunità con i nostri colleghi musicisti e il nostro pubblico su diversi livelli, e questo è in particolare il lavoro che deve fare una nuova generazione di artisti. All'inizio ci dovrebbero essere molte opportunità per la musica da camera in piccoli gruppi e recital.
5 - Vuole rivolgere un pensiero/appello al pubblico dei concerti?
State bene e al sicuro, siamo tutti ragionevoli, in modo da poter presto trovare una maniera costruttiva di tornare nelle sale da concerto, il prima possibile. Ciò può essere ottenuto solo con rispetto e disciplina reciproci. In qualsiasi tipo di musica, ognuno ha una parte individuale che serve a creare qualcosa di eccezionale insieme. Prendiamolo come esempio. Sarà emozionante suonare di nuovo per voi.
www.emmanuelpahud.net

© Cidim