INTERVISTE



#tempocalmo: 5 domande a musicisti italiani in tempo di coronavirus: Daniela Cammarano
Daniela Cammarano, violinista
1 - Come passa il suo tempo e di cosa si sta occupando sul piano musicale?
Stando a casa, sola, ormai da 45 giorni ho stravolto ogni mia priorità e sto provando a fare tutto ciò che mi Permette di sentirmi meno sola... Ho rimbiancato casa, cucino, ascolto i miei vinili... Il violino è nel frattempo diventato ancora di più l'altra parte di me, quella insostituibile... quella che riesce a farmi viaggiare pur restando a casa.. E tutti i pomeriggi mi dedico alle lezioni online coi miei ragazzi del Conservatorio di Genova.
2 - Ha proposto sue esecuzioni in streaming?
In Streaming no... Ma Ho fatto qualche video insieme ai miei colleghi senonché amici Deljavan, Cicchese, Carbonare, Serangeli... Per sentirci vicini, anche se Lontani e per far compagnia a chi, nella solitudine di questo momento, desidera distrarsi e sognare per un attimo. La Musica è un mondo parallelo, ed ora più che mai è l'alternativa felice...
3 – Terminata l’emergenza COVID 19 a suo avviso il modo di fruire la musica dal vivo sarà lo stesso o ripensato?
Il mio cuore vuole credere che tutto potrà tornare ad essere come Sempre.. Abbiamo bisogno del pubblico che ci fa emozionare, che ci fa palpitare... Che vive con noi le Emozioni che viviamo sul palco. Sicuramente all'inizio sarà più complesso... Forse si partirà con concerti che vedranno protagonisti piccoli ensemble, tanta musica da camera... E poi si tornerà piano piano a tutto ciò che fino ad ora la MUSICA ci ha donato... Forse con ancora più consapevolezza di quanto siamo fortunati ad essere portatori di Bellezza.
4 - Quale futuro lavorativo si prospetta per il settore e soprattutto i giovani interpreti dopo la pandemia?
I giovani musicisti, come poi del resto tutti noi, dovranno continuare a credere e a costruire... Ogni momento storicamente difficile è stato sempre motivo di Rinascita, di Ricostruzione, di Speranza, di Volontà. E il nostro mondo non dovrà fare altro che sfruttare il potere della Bellezza per abbattere ogni perplessità e riaprire le Porte della Musica a tutti.. Nessuno resisterà difronte ad una forza così incredibile.
5 – Vuole rivolgere un pensiero/appello al pubblico dei concerti? Mi sento di chiedere al pubblico che ama il Teatro, l'opera, la musica in genere di rinunciare al Risarcimento di biglietti o abbonamenti acquistati precedentemente alla pandemia... Perché un piccolo gesto così, fatto da ognuno di noi, può essere determinante per l'economia del singolo teatro, o auditorium.. E soprattutto al pubblico chiedo di tornare, appena sarà possibile, a nutrirsi della Nostra Musica dal vivo... Senza paura... Senza restrizioni... Perché il pubblico è la nostra vita e noi per Il pubblico siamo dei comprimari nella scelta di una vita fondata sulle emozioni.
www.danielacammarano.com


© Cidim