INTERVISTE



#tempocalmo: 5 domande a musicisti in tempo di coronavirus: Susan Milan
Susan Milan, flautista
1 - Come passa il suo tempo e di cosa si sta occupando sul piano musicale?
Sto insegnando in 3 conservatori sulla piattaforma ZOOM: Royal College of Music, Royal Northern College of Music e Trinitylaban Conservatory of Music. Si sta dimostrando accettabile e in molti modi produttivo. Gli studenti stanno apprendendo nuove abilità, tecniche di registrazione e di monitoraggio. Valutano la loro fisiologia guardando di più se stessi sullo schermo di ZOOM. Utilizzano il loro tempo a seguire un sistema giornaliero di esercizi incentrati sullo sviluppo della tecnica e sull’espansione del repertorio. Stanno imparando ad ascoltare più attentamente il proprio suono. Io personalmente ho molto tempo per esercitarmi e per ricercare repertorio. Ho una biblioteca di prime edizioni e sto esplorando molti compositori del XIX secolo che sono nuovi per me. Sto anche apprendendo nuove abilità. Ho tenuto una presentazione Power Point su ZOOM e masterclass negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Ho partecipato a "webinars" e il video l’ho registrato durante una lezione. Tutte competenze molto interessanti e nuove. Ma soprattutto, mi esercito per i concerti che farò da novembre con i miei ensemble.
2 - Ha proposto sue esecuzioni in streaming?
No. Non è stato possibile con i miei vari ensamble.
3 – Terminata l’emergenza COVID - 19 a suo avviso il modo di fruire la musica dal vivo sarà lo stesso o ripensato?
Penso che ora ci saranno ulteriori possibilità, ma le esibizioni dal vivo resteranno al primo posto.
4 - Quale futuro lavorativo si prospetta per il settore e soprattutto i giovani interpreti dopo la pandemia?
La pandemia ha avuto un grave impatto sulla stabilità finanziaria della professione musicale. Molti musicisti nel Regno Unito stanno lottando perché serie di concerti sono state cancellate. Ci sono pochi contratti nelle orchestre nel Regno Unito e le orchestre di Londra sono principalmente senza contratto. Sicuro, ma senza concerti non c'è pagamento, anche se non so davvero quale supporto le orchestre stiano offrendo ai loro membri. La domanda al momento è quando riprenderanno i concerti dal vivo - e questo non avverrà presto. I giovani musicisti che lasciano i college devono essere preoccupati poiché il mondo del freelance è in sospeso e le orchestre potrebbero assumere meno dopo la pandemia. Il provino all'estero non è al momento possibile a causa del virus e l’audizione sulla piattaforma video non è così buona. Sono preoccupata per i miei studenti che si stanno laureando.
5 – Vuole rivolgere un pensiero/appello al pubblico dei concerti?
Per tutti gli amanti della musica e i frequentatori di concerti: una volta che i concerti riprenderanno, per favore tornate, anche se dovrete indossare delle mascherine. Il mondo della musica classica ha bisogno di voi - i musicisti hanno bisogno di voi. I video sono meravigliosi, soprattutto in questo momento, ma nulla sostituisce l'energia e la sensazione di dialogo che noi, come interpreti sentiamo in una sala con un pubblico dal vivo entusiasta.
www.susanmilan.com

© Cidim