Caterina Paoloni

CONTATTI
Firenze, 1977
Ruoli legati alle composizioni presenti in Banca Dati:
Compositore
Biografia
ultimo aggiornamento: 23-04-2012
Diplomata a pieni voti in Viola e Composizione, ha iniziato lo studio del violino e del coro all’età di 7 anni alla Scuola di Musica di Fiesole; a 12 anni, fortemente incoraggiata dal direttore della Scuola Piero Farulli (violista del “Quartetto Italiano”), passa a viola e, sotto la Sua guida e quella di Pietro Scalvini, si diploma a pieni voti nel 1998. Successivamente, dal 2000 al 2006, segue i corsi di perfezionamento tenuti da Hatto Beyerle (viola del Quartetto Alban Berg) e Patrick Judt, in Italia, Francia e Germania. La sua attività orchestrale ha inizio molto presto, sotto le direzioni di importanti direttori, quali Carlo Maria Giulini, Lorin Maazel, Riccardo Muti, Piero Bellugi, in varie orchestre (Symphonica Toscanini, Orchestra Internazionale, Orchestra Strumentale Città di Prato), con le quali suona nei più importanti Teatri nazionali e internazionali: Arcimboldi (Milano), Teatro Comunale di Firenze, Auditorium della Conciliazione (Roma); Sala Sinfonica (Madrid), Auditorium de Girona (Girona, Spagna), Gran Auditorium di Lussemburgo (Lussemburgo), Casablanca, Fes (Marocco), Sala Argenta (Cantabria, Spagna), Theatro Municipal do Rio (Rio de Janeiro), Sala Sao Paulo (Sao Paulo de Brazil), Teatro Coliseo (Buenos Aires), Suntory Hall (Tokio), Hyogo Art Center (Nishinomia, Giappone), Aichi Prefectural Art Theater (Nagoya, Giappone), Yokohama Minato Mirai Hall (Yokohama, Giappone), Sapporo Concert Hall “Kitara” (Sapporo, Giappone). Per quanto riguarda l’attività corale, fin da piccola è stata scelta per cantare sia come solista che come corista, in diverse opere e concerti, fra i quali: “La Gioconda” di A. Ponchielli, “Pollicino” di H.W. Henze, “Die Frau ohne Schatten” di R. Strauss (Teatro Comunale di Firenze, direttore Zubin Metha); “Giro di vite” di B. Britten (Teatro Metastasio di Prato direttore R. Gabbiani); “Carmina Burana” di C. Orff (41° Estate Fiesolana, Teatro Romano di Fiesole, direttore Roberto Gabbiani); Opera inedita di Liberovici (Teatro Regio di Torino). “Terza Sinfonia” di G. Mahler (Teatro Morlacchi di Perugia, Teatro San Carlo di Napoli, direttore Eliau Inbal). È stata voce solista dell’Ottetto femminile “Barbara Strozzi” con il quale, ancora minorenne, ha vinto il secondo premio (Diploma d’Argento) al “Concorso Internazionale Vocale” di Riva del Garda. Docente di Armonia e analisi musicale e Teoria e solfeggio alla Scuola di Musica di Fiesole e alla Scuola di musica di Arezzo, parallelamente all’attività di violista, coltiva anche la passione per la Composizione (scrive musica dall’età di 12 anni), nella quale si diploma a pieni voti nel 2010 al Conservatorio L. Cherubini di Firenze sotto la guida di Mauro Cardi e Paolo Furlani. Già prima di conseguire tale diploma, ha seguito diversi corsi di perfezionamento tenuti da Sylvano Bussotti, dal quale ha sempre ricevuto e riceve tutt’ora consensi e parole di lode. Fra i concorsi di composizione a cui ha partecipato, si ricorda: - nel 2007 al Concorso Internazionale Valentino Bucchi sezione Flauto, è stato eseguito in Prima Assoluta un suo brano, Solo per due per flauto/ottavino e pianoforte, riscuotendo un grande successo; - nel 2008 risulta finalista al Concorso Nazionale Simone Ciani VI edizione di Siena; - nel 2010 è vincitrice del 2° Premio Concorso Nazionale Simone Ciani VII edizione di Siena; - sempre nel 2010 le è stato assegnato il Diploma di Merito al TIM, Torneo Internazionale di Musica, XIV edizione, sezione Composizione, nel quale la Giuria Internazionale “ha già espresso su di Lei parole di lode ed incoraggiamento”. Svolge anche un’ intensa attività di trascrittrice e arrangiatrice.
Fonte diretta




POKER (2011)
Fiori Cuori Quadri Picche
flauto, oboe, clarinetto in si bemolle, corno in fa, fagotto
Durata: 6' 08''