Federico Biscione

Tivoli, 1965
Ruoli legati alle composizioni presenti in Banca Dati:
Compositore
Biografia
ultimo aggiornamento: 18-10-2010

Al di là delle avanguardie, Biscione cerca nei suoi lavori un dialogo con il pubblico; il suo linguaggio musicale si muove in uno spazio liberamente tonale, in cui contemporaneità e tradizione trovino adeguata accoglienza.

Federico Biscione consegue nel 1983 la Maturità classica. Seguono a breve, presso il Conservatorio A. Casella dell’Aquila, i diplomi in Pianoforte, Composizione, Direzione d’orchestra. In questo periodo insegna Pianoforte e Armonia.

Del 1985 è la sua prima composizione eseguita (Sonatina giocattolo per tromba e pianoforte) più tardi pubblicata in CD dalla Beat Records Company. Alla scuola di Vieri Tosatti apprende l’arte necessaria al compositore, e alcune sue composizioni cominciano a essere eseguite in Italia e trasmesse presso le reti radiofoniche (si ricordano Jabberwocky per soprano e nove strumenti, Dell’intimità per clarinetto, violoncello e arpa, Tredicesimo canto per vocalist ed ensemble classico/rock e l'opera da camera Mamma laser, commissioni della Fondazione Arena di Verona, e le trasmissioni RAI 1 Autori contemporanei e RAI 3 Alfabeti sonori, dove vengono trasmessi brani pianistici eseguiti dall'autore).

Dal 1997 al 1999 approfondisce particolarmente lo studio e l’esperienza della direzione d’orchestra. È allievo effettivo nei corsi di perfezionamento tenuti da Gianluigi Gelmetti presso l’Accademia Chigiana di Siena e i Pomeriggi Musicali di Milano. Insegna saltuariamente Composizione e Armonia in Conservatorio e, nel 1999, vince il concorso nazionale a cattedre per i Conservatori italiani, nella materia di Fuga e Composizione.
Dal 2001 al 2005 vive a Milano, dove compone musiche eseguite presso il Teatro Regio di Torino (il balletto Il Pifferaio magico, diretto dall'autore), il Parco della Musica a Roma (Passacaglia e Sinfonia con sarcasmi per archi), l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano (Dalla Soffitta per orchestra, brano vincitore del primo premio al concorso nazionale Mozart oggi 2005), l’orchestra da camera Milano Classica (Tropico dello Scorpione per marimba e archi, Ego alter per archi, diretto da Massimiliano Caldi), l’Orchestra dell’Università Statale di Milano (Hanno per pianoforte e archi suonato da Davide Cabassi e diretto da Christopher Franklin, Aus Rilkes Bildern per soprano e archi) oltre a Forse Lontano e B-612 per orchestra eseguiti in Romania sotto la direzione di Federico Longo (dedicatario e primo interprete di questi e di diversi altri lavori citati). Numerose anche le trascrizioni e gli adattamenti di brani di altri autori, tra i quali una riduzione per sette strumenti del Flauto magico di Mozart (in scena al Teatro Regio di Torino nel 2006) e una versione per orchestra d’archi di Lieder di Dvorák (Quattro canzoni popolari op. 73) per i Pomeriggi Musicali (2005).
Durante questo periodo affianca alla composizione l’attività di copista professionale di musica per Casa Musicale Sonzogno, che è l’editore principale dei suoi lavori.
Dal 2005 al 2007 si trasferisce a Lipsia, dove scrive diversi lavori che vengono lì eseguiti (Myricae per tre voci e cinque strumenti, Verkündigung per soprano e trio eseguito nella Thomaskirche, Mozart. Eine Biographie, Windmühlen – gli ultimi due a Chemnitz, commissionati dalla Robert-Schumann-Philharmonie, il primo nell'ambito delle celebrazioni del duecentocinquantenario della nascita di Mozart). La radio pubblica tedesca Mitteldeutscher Rundfunk (MDR) gli dedica un programma di un'ora con intervista e stralci da molte delle sue musiche. In questo lasso di tempo frequenta due semestri di perfezionamento in Composizione presso la Hochschule Felix Mendelssohn-Bartholdy.

Oltre la già citata Sonatina giocattolo, compaiono su CD la Serenata breve per quartetto di legni (sempre per la Beat Records) e le cadenze per le sei Preußischen Sonaten, le sei Württenbergische Sonaten e i concerti per pianoforte e orchestra in La minore e in Re minore di Carl Philipp Emanuel Bach, incisi dalla pianista Ana-Marija Markovina per la Genuin Classics di Lipsia.
Nell’aprile 2007 assume l’incarico di Responsabile dei Servizi musicali della Fondazione Teatro Comunale di Bologna. In questa veste, all’interno della Direzione artistica, si occupa in prima persona del coordinamento delle masse orchestrali e corali.
Alla fine del 2009 si trasferisce a Milano e diventa insegnante di ruolo di Composizione presso il Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari.

Tra i suoi lavori più recenti Immersüßes Land per canto e pianoforte su testo di Rainer Maria Rilke, eseguito presso l'Accademia Musicale Chigiana di Siena da Veronica Simeoni, Evocazioni e Canti per orchestra d'archi (prima esecuzione a Mikkeli, Finlandia), Divertimento su temi popolari natalizi per pianoforte e orchestra d'archi (commissione dell'Orchestra da Camera Slesiana di Katowice, Polonia), e Oro e argento fine per tre voci e tre clarinetti su testo di Dante, eseguito in occasione del 35° Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano.

Per gentile concessione del compositore: dal suo sito