INTERVISTE



#tempocalmo: 5 domande a musicisti in tempo di coronavirus: Wally Hase
Wally Hase, flautista
1 - Come passa il suo tempo e di cosa si sta occupando sul piano musicale?
Dall'inizio della crisi da COVID-19 con le relative misurazioni e il blocco, la mia vita di musicista è cambiata radicalmente. Concerti, masterclass e festival sono stati cancellati fino a settembre. Tuttavia, la difficoltà maggiore che sto affrontando a livello personale è il fatto di non avere la possibilità di insegnare faccia a faccia ai miei studenti. Insegno, organizzo concerti e audizioni online per i miei studenti e una volta alla settimana organizzo un incontro tra i miei 14 studenti e me sempre online. Adoro entrare in contatto con loro e finiamo per avere vivaci discussioni su quasi tutto, dagli aspetti specifici del flauto alle ricette di cucina. Parliamo di arte, film, vita in generale, libri e, ovviamente, questioni legate alla musica. Mi esercito anche ogni giorno e ho iniziato a studiare brani che volevo già studiare prima e non ne avevo mai trovato il tempo.
2 - Ha proposto sue esecuzioni in streaming?
No, non l'ho fatto. Preferisco condividere le registrazioni che ho fatto tramite il mio canale YouTube o Facebook. Mi piace anche ascoltare i live streaming realizzati da altri musicisti, ma la mia attrezzatura non sarebbe abbastanza buona da fare una registrazione piacevole con audio e film.
3 – Terminata l’emergenza COVID - 19 a suo avviso il modo di fruire la musica dal vivo sarà lo stesso o ripensato?
Per prima cosa, non vedo l'ora che arrivi il momento in cui potremo esibirci di nuovo. All'inizio, sospetto, il pubblico potrebbe dover indossare mascherine e i concerti potrebbero essere generalmente più brevi e senza intervallo. Tuttavia, spero che il pubblico verrà senza paura e pieno di rinnovate aspirazioni, desideri e passione per la musica, condivisi con gli altri in un solo posto nello stesso momento.
4 - Quale futuro lavorativo si prospetta per il settore e soprattutto i giovani interpreti dopo la pandemia?
Soprattutto, voglio rimanere positiva, perché al momento così tante persone sono piene di dubbi e paure. Molti dei miei amici e colleghi sono liberi professionisti e sono molto colpita da quanto siano creativi e coraggiosi. Sono costretti a creare un nuovo senso dell'essere che include il loro amore per la musica e il loro strumento in un modo molto più astratto di quanto la maggior parte di loro abbia mai sognato. D'altra parte, dobbiamo abituarci all'idea che la situazione per noi musicisti non sarà facile, anche dopo il coronavirus. Ognuno è diverso, il che rende la nostra vita come musicisti e insegnanti molto interessante ed eccitante. Tutti dovrebbero cercare di trovare il modo di trovare gioia nelle proprie decisioni. Vorrei che tutti i giovani musicisti finissero gli studi con un certa conoscenza che consenta loro di essere musicisti ed esseri umani dallo spirito libero, stimolante e in generale ben preparati, per gli alti e bassi che incontreranno nella loro carriera.
5 – Vuole rivolgere un pensiero/appello al pubblico dei concerti?
Per favore, venite ai nostri concerti. Sono assolutamente convinta che la musica sia la migliore medicina per tutte le nostre anime solitarie. “Noi, come esseri umani, abbiamo bisogno di musica, emozione e di condividere momenti speciali con altre persone. Sarebbe di grande aiuto mantenere in vita promotori, orchestre da camera, gruppi da camera e molti altri musicisti, se si fosse pronti a non richiedere il rimborso per i biglietti già acquistati.
wallyhase.de/

© Cidim