INTERVISTE



#tempocalmo: 5 domande a musicisti in tempo di coronavirus: Michael Martin Kofler
Michael Martin Kofler, flautista - Primo flauto della Munich Philharmonic Orchestra, Docente al Mozarteum di Salisburgo
1 - Come passa il suo tempo e di cosa si sta occupando sul piano musicale?
Regolarmente vado a fare la spesa per i miei suoceri due volte a settimana, che sono già molto anziani e per fortuna vivono vicino casa nostra. Ogni settimana abbiamo anche alcune videoconferenze con la direzione della mia orchestra, la Munich Philharmonic, per raccogliere delle idee sulla situazione attuale e sviluppare diverse possibilità dopo la ripresa della vita culturale in Germania, ma poiché non ci sono linee guida chiare, non è un lavoro facile. Gli studenti della mia classe al Mozarteum inviano le registrazioni ogni settimana tramite mail, con cui sto discutendo via posta. E, naturalmente, per lo studio quotidiano non è così facile rimanere motivati, ma è necessario e quindi sto cercando di preparare nuovi programmi per la prossima stagione di concerti e di studiare più brani a memoria.
2 - Ha proposto sue esecuzioni in streaming?
No, non ho mai messo le mie performace nei servizi di streaming. Non mi piacciono affatto i mezzi elettronici – al giorno d'oggi possono anche essere necessari e importanti, infatti come molte altre orchestre in Germania e in tutto il mondo, la Munich Philharmonic è molto attiva da questo punto di vista, anche al nostro direttore principale Gergiev piace essere in onda in diretta in TV o tramite Internet. Per quanto mi riguarda non me ne curo così tanto, perché è sempre artificiale e mai onesto. Tutto è costruito e gli ingegneri del suono ottengono sempre più potere sulla nostra bella arte. Si adatta al nostro tempo. Quindi, come puoi immaginare, non sto lavorando con Facebook, Twitter, Instagram, ecc., Ancora adesso non li uso e non ho mai posseduto uno smartphone prima e non ci crederai, ma la vita funziona comunque per me. Quindi non sto sprecando la mia vita con questo rifiuto elettronico. Quindi sono molto vecchio stile, anche se mio figlio adulto studia informatica. Ora ti è possibile capirmi un po' meglio, non sono molto interessato neanche a fare registrazioni. Mi piace fare e ascoltare registrazioni dal vivo, ne ho molte a casa, a dire il vero ho alcune migliaia di CD, ma solo cinque sono interessanti a mio parere. Forse suona egoista, ma mi piace molto di più quando le persone vengono alle mie esibizioni dal vivo e, chi è interessato, sa molto bene chi sono quando suono, mentre il resto della mia vita è privato.
3 – Terminata l’emergenza COVID - 19 a suo avviso il modo di fruire la musica dal vivo sarà lo stesso o ripensato?
All'inizio mi aspetto che gran parte del pubblico, specialmente quella più anziana avrà paura di partecipare ai concerti, quindi non sarà facile riempire le sale da concerto, ma quando gli scienziati e i medici troveranno cure e vaccino, sono certo, ci saranno ancora molte persone interessate ad ascoltare i nostri concerti, quindi spero molto che le persone avranno molta fame di concerti di musica classica, forse anche più di prima, perché la musica dal vivo è una necessità umana. Qui in Germania ricevo già chiamate da persone che di tanto in tanto chiedono, se i miei concerti annunciati avranno luogo o saranno posticipati, quindi ho la sensazione che le persone interessate stiano già aspettando l'apertura in modo da per tornare alla normalità, e assistere a concerti.
4 - Quale futuro lavorativo si prospetta per il settore e soprattutto i giovani interpreti dopo la pandemia?
Spero che il danno economico che è stato ed è prodotto dalla chiusura in quasi tutto il mondo non causerà la chiusura di orchestre sinfoniche e operistiche a causa di elevati problemi economici, specialmente in Germania che ha una così ricca e ineguagliabile varietà nel paesaggio orchestrale e quindi offre molto spazio a molti giovani musicisti di tutto il mondo. Certo, le orchestre avranno più o meno problemi finanziari e spero che i governi le supportino così come i musicisti indipendenti nel migliore dei modi. Se questo rende difficile ai giovani musicisti diventare professionisti, diventerà di nuovo attraente e forse un po 'più facile di adesso, senza prospettive al momento.
5 – Vuole rivolgere un pensiero/appello al pubblico dei concerti?
Ho solo il desiderio che il pubblico rimanga con noi musicisti classici in questi tempi difficili, come prima. Sono tempi difficili che offrono sempre la possibilità di cambiare le idee, di ricominciare, di guardare, ciò che è veramente importante nella vita di alcuni e in generale per il genere umano, così come nella musica e anche per far evadere interi stati e regioni, ripensare e cambiare i sistemi, per costruire un buon programma sanitario, un buon programma educativo con insegnanti e possibilità sufficienti e ben strutturate per tutti, tenendo sempre più conto di tutti gli argomenti ambientali e fermando la fame di sempre di più, sempre meglio. Abbiamo bisogno di una rinascita dell'umanità, di emozioni sensibili - questo aiuterebbe anche il nostro mondo a sopravvivere in pace e con qualità godendo di tutte le cose belle che la nostra terra sta preparando per noi. Sono sempre ottimista! Tanti auguri…
www.michaelkofler.de

© Cidim