INTERVISTE



#tempocalmo: 5 domande a musicisti italiani in tempo di coronavirus: Ljubisa Jovanovic
Ljubisa Jovanovic, flautista - Professore alla Faculty of Music, Belgrade, Serbia
1 - Come passa il suo tempo e di cosa si sta occupando sul piano musicale?
Lavorando, studiando, esplorando nuovo repertorio, alcuni brani di compositori serbi, e anche la Ciaccona di Bach e la Romanza di Beethoven in Fa maggiore. Lavorando con gli studenti usando Zoom, Masterclass sul progetto della British Stao-Music.com, a cui partecipano studenti attivi-passivi da tutto il mondo dal Messico, dagli Stati Uniti alla Cina.
2 - Ha proposto sue esecuzioni in streaming?
Solo una con i miei meravigliosi amici, grandi flautisti da tutto il mondo. Noto problemi audio-tecnici, senza pianoforti accordati o con troppi tentativi di divertirsi in musica! Per me è troppo. E al contrario, vedo alcuni progetti meravigliosi, come il concerto da camera di Berlin Phil. Sala digitale concerti in particolare con Pahud e Petrenko, così come i concerti da casa di Daniel Hope. Stanno entrambi realizzando il migliore e più artistico degli streaming!
3 – Terminata l’emergenza COVID - 19 a suo avviso il modo di fruire la musica dal vivo sarà lo stesso o ripensato?
Nella categoria audio-ottica sarà lo stesso, ma sicuramente qualcos'altro dal punto di vista artistico. Dopo una grande crisi la gente ha una sorta di "catarsi" nell'anima e nella mente. Significa che abbiamo bisogno di punti di riflessione più profondi nell'arte, anche nella musica. Non basterà suonare velocemente a Louder, abbiamo bisogno di nuove categorie per esplorare le risorse emotive e umane.
4 - Quale futuro lavorativo si prospetta per il settore e soprattutto i giovani interpreti dopo la pandemia?
I giovani devono fermarsi e pensare dov'è la sostanza della musica? Sempre in una corsa veloce, suonando più forte, nuovi modi tecnici di espressione o farà parte del pensiero profondo, esplorando l'espressione emotiva e mentale? Probabilmente hanno bisogno di aspetti più raffinati dell'espressione umana! Devono attrarre un nuovo pubblico con nuovi programmi confrontando tutti i tipi di stile e di riflessioni.
5 – Vuole rivolgere un pensiero/appello al pubblico dei concerti?
Amate la musica classica! Andate nelle sale da concerto per stare 90 minuti in pace con i vostri pensieri ed emozioni! Andate nei teatri d'opera, teatri per vedere e ascoltare l'infinita perfezione del cantare e suonare! Imparate a godervi la bellezza della musica! Amate la vita e l'arte! www.ljubisaorfej.com
© Cidim