INTERVISTE



#tempocalmo: 5 domande a musicisti italiani in tempo di coronavirus: Elisabet Franch
Elisabet Franch, flautista - primo flauto della Tianjin Symphony Orchestra
1 - Come passa il suo tempo e di cosa si sta occupando sul piano musicale?
La Spagna ha iniziato il lockdown il 14 marzo. Durante le prime settimane mi stavo preparando per il mio debutto alla Taipei National Concert Hall, che era in programma per il 13 maggio, ma sfortunatamente questo concerto è stato cancellato ed è stato posticipato all'inizio del 2021. Tuttavia, molte altre attività si sono svolte e ho aiutato in diversi progetti e attività no-profit: ho registrato una serie di video per InMusic Academy (Portogallo) su warm-up ed esercizi di tecnica, sono stato nella giuria del concorso di música internazionale Fanfares di Liv (Ucraina) valutando oltre 100 flautisti, ho collaborato con West Virginia Flute Studio tenendo una Masterclass online e ho offerto diversi concerti online tramite Instagram. Alla fine ho anche trovato tempo di tornare ai miei hobby, non ne ho mai avuto il tempo: sarei diventata giornalista, così ho frequentato l'università per due anni prima di capire che era un grosso errore e intorno ai vent'anni ho lasciato i miei studi per iniziare la musica seriamente. Ora ho ripreso la penna e gli appunti e ho scritto articoli per giornali e blog locali, ed è meraviglioso rivivere quella sensazione di avere tutto il potere dell'immaginazione nelle tue mani.
2 - Ha proposto sue esecuzioni in streaming?
Sì, il 22 marzo una piattaforma catalana chiamata "La Cultura a casa" mi ha presentato per la prima volta in un concerto online da casa. Devo ammettere che all'inizio è stata una strana sensazione, suonare un concerto dal mio salotto senza vedere alcun pubblico, ma sapendo che la gente seguiva il live streaming. Dopo quel concerto sono stato contattata più volte e ho iniziato a fare più livestream. Oggi, durante l'emergenza Covid, faccio due spettacoli in streaming alla settimana, il lunedì e il giovedì alle 18:00. È un buon esercizio preparare nuovi lavori e brani per ogni concerto!
3 – Terminata l’emergenza COVID - 19 a suo avviso il modo di fruire la musica dal vivo sarà lo stesso o ripensato?
Il Covid-19 causerà una situazione "prima e dopo" nel mondo e molti cambiamenti avverranno nel modo di lavorare, comunicare e riprendersi da questo stop mondiale. Molte persone possono iniziare a lavorare da casa, hanno capito durante questa pandemia, che è possibile farlo. Molte imprese cambieranno il loro modo di lavorare per adattarsi a questi nuovi tempi. Ma ... questo sarebbe impossibile nella scena musicale, perché un'esibizione è la somma di molte cose: l'esecutore, il pubblico, la sala, i sentimenti, l'effetto della musica in quel momento specifico. Lo chiamo un momento "magico" e può succedere solo con la musica dal vivo, perché sai che ogni volta è diverso, anche se suoni lo stesso concerto. Ed è una bella sensazione sia per gli artisti che per il pubblico!!! Voglio credere (e sperare) che dopo il silenzio della musica causato dalla pandemia, le persone si renderanno conto e saranno più consapevoli dell'importanza della musica nella nostra vita. Tuttavia, è vero che dovremo affrontare una crisi mondiale, il risultato del Covid-19 è lo stesso di una guerra: vedremo come cadrà l'economia mondiale e il mondo dovrà cambiare per sopravvivere. Un nuovo capitolo inizierà per tutti noi.
4 - Quale futuro lavorativo si prospetta per il settore e soprattutto i giovani interpreti dopo la pandemia?
Mi piace essere una persona positiva, ma mentirei se dicessi che tutto andrà bene dopo la pandemia. Verranno tempi difficili e alcuni settori, come la cultura, il nostro settore, dovranno combattere. Per molto tempo, le generazioni più anziane hanno avuto maggiori possibilità e opportunità di entrare nel settore musicale in condizioni davvero buone. La mia generazione (30-40) stava già affrontando momenti difficili prima dell'arrivo della pandemia, e ora puoi considerarti molto fortunato se sui trent'anni hai una posizione stabile in un'orchestra o una posizione di insegnamento in un conservatorio. Le generazioni più giovani stanno crescendo incredibilmente: suonano in modo straordinario già in giovane età e meriterebbero così tanto buone condizioni di lavoro dopo tutto il loro duro impegno. Sfortunatamente, il nostro settore è piuttosto chiuso e per una posizione aperta ci sono molti potenziali candidati. Inoltre, i musicisti che avevano in programma di ritirarsi prima e dare maggiori opportunità di lavoro, dopo questa pandemia, potrebbero mantenere il loro lavoro fino alla fine.
5 – Vuole rivolgere un pensiero/appello al pubblico dei concerti?
SPERANZA. Lo spettacolo deve continuare. Siamo nati con questo dono speciale chiamato musica, ed è nostro dovere e obbligo condividerlo. Perché la musica è il linguaggio più bello che parleremo mai, che ci permette di esprimere con le emozioni ciò che non possiamo dire con le parole.

© Cidim