LIBRI E PARTITURE



Divulgazione
Quella cosa priva di nome. La quadratura del cerchio
a cura di Federico Capitoni
e Wilhelm Richard Wagner

ISBN 978-88-9380-193-5, Nino Aragno Editore, Torino 2022

€ 18,00
Shop

Descrizione:
Parafrasando una battuta di Victor Hugo sul Rinascimento, disse una volta Claude Debussy che la rivoluzione di Wagner, che si voleva un’alba, era invece un tramonto. Di ogni confine si possono esaltare tanto le costanti che le varianti; ma non c’è dubbio che Wagner abbia salato il sangue a più generazioni di novatori, da Baudelaire a Nietzsche (il quale farà in tempo a cambiare idea; ma anche Debussy era un «bidello del Walhalla» pentito) sino a d’Annunzio, Campana e Joyce. Per un media philosopher come Friedrich Kittler, senza il Gesamtkunstwerk non sarebbero concepibili neppure il progressive rock o la disco. Ma tutta la multimedialità di oggi, in fondo, viene dritta da Bayreuth. I suoi grandi testi teorici sono affetti dalla stessa ipertrofia delle opere di Wagner: momenti splendidi, e interminabili quarti d’ora (per dirla con un altro collega malevolo). Così Federico Capitoni, che tra i saggisti dell’ultima generazione è quello dalla più spiccata vocazione interdisciplinare (illuminando, di questo pensiero, quello che «è vivo» e quello che «è morto»; non senza indicare quanto di ancora-wagneriano alligni nella sperimentazione di oggi), ha pensato bene di “pescare” dagli scritti più agili e d’occasione. Faville del maglio che si rivelano piccoli gioielli. Una volta per esempio, in alternativa alla formula più vulgata (e volgare) di «arte dell’avvenire», Wagner definisce la sua opera «quella cosa priva di nome». Un po’ come «il sogno di una cosa» di cui parlava il giovane Marx.
Dati editore
INDIRIZZO: Via Corte d’Appello 14 , Torino (TO)